mercoledì 15 maggio 2013

In un giorno di "quasi sole"

Sarà ma quando esce
anche timido,pallido e tra le nuvole
a me mette subito una gran voglia di stare all'aria aperta...


 e la cucina passa in secondo piano
(poco poco)
ma non l'attività 
progettualcascinesca
 che anzi
subisce un'impennata vertiginosa ;-)
 ♥
Con il bel tempo il mio MisterB
altrimenti detto maritino,
già iperattivo di suo,
non lo tieni neppure legandolo..
e quindi 
onde evitare che faccia di tutt'un pò 
in ordine sparso..

*si disegna
*si discute ( TANTISSIMO )
*e poi si passa all'azione  

*°* QUI *°*
per chi fosse curioso
un mix di aggiornamenti
e non solo


ma per le mie amichette pasticc..ione come me
anche a ora tarda
magari con il favore delle tenebre ;-D
produco qualcosa 
e in questo caso
un biscotto buono buono


che un'amica di instagram mi ha fatto venir voglia di fare 

con una mia piccolissima variante

Lei ha usato una tradizionale pasta sfoglia
io invece ho fatto quella "finta",
con meno burro e con l'aggiunta 
di formaggio spalmabile  


Vi dirò che secondo me
di finto ha ben poco
anzi concordo con chi,come Lei 
la chiama piuttosto
"versione furba" 
 Da quando l'ho scoperta girovagando tra i forum di cucina e l'ho fatta mia
 non l'ho più lasciata

Gli ingredienti sono:

250 gr. di farina "00"
240 gr.(mia versione)formaggio spalmabile
140 gr.(mia versione)burro
sale 1 pizzico per la dolce
e due per quella salata
Cottura a 165° fino a doratura

- C'è chi per quella dolce inserisce anche zucchero nell'impasto,io sinceramente preferisco cospargerla  prima della cottura 

La ricetta originale prevederebbe dieci grammi in più per entrambi i grassi
vi confesso che la prima volta per praticità
li ho ridotti
ed ho sempre mantenuto queste dosi 

Il procedimento 
è lo stesso della  pasta frolla 
ovvero sia che la si faccia a mano 
 in planetaria o nel robot
l'importante è non impastare 
per non scaldare il burro
ma a differenza della frolla
il composto finale dovrà essere 
più "bricioloso"
come questo

 
 come si intravede dalla foto
sotto la pasta
ho messo la pellicola
con cui va fasciata
compattata e dimenticata in frigo per 24h.
Dopo il riposo si riprende
e si effettuano tre giri di pieghe a tre   

Se volete un passo passo fantastico vi consiglio di vedere questo del Maestro 
che non delude mai...

Non preoccupatevi dell'irregolarità dell'impasto
al termine dei giri di pieghe sarà perfetta!
 
A questo punto si potrà stendere, 
abbattere e surgelare 
oppure congelare 

Per formare i ventagli della foto
io ho prima steso la pasta ed arrotolata su se stessa due volte da un lato e due volte dall'altro riunendo il salsicciotto ottenuto al centro
così

   
 poi ho tagliato delle fettine spesse un centimetro e le ho disposte su teglia con cartaforno schiacciandole un pò per dare la caratteristica forma a cuoricino


le ho cosparse con sciroppo denso di zucchero di canna e infornate a 165° fino a doratura
 
E' una pasta molto versatile, adatta al dolce come al salato, 
buona e gustosa senza essere stucchevole
Gli utilizzi sono veramente infiniti
questi per esempio


sono dei fagottini 
ripieni di formaggio, carciofi e cubetti di mordadella..
(ispirazione liberamente tratta da quella bravissima cuoca di mia cognata...grazie Robi!)
e queste


 danesi all'albicocca su sua ispirazione
 
 Se vi fosse venuta voglia di provarla
 non ve ne pentirete 
e nel caso non dimenticatevi di farmi sapere
 ♥
A presto 
AnnaP    
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...